Salta al contenuto principale di pagina Salta al menu principale di pagina

Sito del Comune di Comune di Venafro

Comune di Venafro - Concessione impianto pubblica illuminazione

Bandi di Gara - Bandi di Servizi

C.U.C. Centrale Unica di Committenza tra i
Comuni di Venafro e Sessano del Molise

COMUNE DI VENAFRO: Bando di gara procedura aperta.


Punti di Contatto:

Settore Lavori Pubblici del Comune di Venafro - Arch. Ornella Celino (R.U.P.)

Tel: 0865 / 90 62 23 - Fax: 0865 / 90 66 10 - eMail: o.celino@comune.venafro.it.it - lavoripubblici@pec.comune.venafro.it.it


BANDO DI GARA PROCEDURA APERTA SOPRA SOGLIA COMUNITARIA PER L’AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE MEDIANTE RICORSO AL FINANZIAMENTO TRAMITE TERZI DELLA RETE DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA DEL COMUNE DI VENAFRO, PREVIA PROGETTAZIONE ESECUTIVA REDATTA SULLA BASE DEL PROGETTO DEFINITIVO OFFERTO IN SEDE DI GARA E REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI ADEGUAMENTO NORMATIVO ED EFFICIENTAMENTO ENERGETICO

CIG 70615818FB; CUP G73G15002150007

 

Data pubblicazione: 15/05/2017

Data scadenza presentazione offerte: 07/08/2017 - Ore 12:00

 

1) Bando completo (circa 459 KB), composto da:
    - Bando di gara;
    - Disciplinare di gara.

 

 2) Elaborati progettuali (circa 50.194 KB), composto da:
    - Elab.01 Relazione tecnica e illustrativa;
    - Elab.02 Inquadramento territoriale;
    - Elab.02.SETTORE A stato di fatto;
    - Elab.02.SETTORE B stato di fatto;
    - Elab.02.SETTORE C stato di fatto;
    - Elab.02.SETTORE D stato di fatto;
    - Elab.02.SETTORE E stato di fatto;
    - Elab.02.SETTORE F stato di fatto;
    - Elab.02.SETTORE G stato di fatto;
    - Elab.02.SETTORE H stato di fatto;
    - Elab.03 Planimetria generale interventi su quadri e linee;
    - Elab.04 Planimetria generale interventi;
    - Elab.05 Schede descrittivi interventi previsti;
    - Elab.06 Report tabellare stato di fatto-progetto;
    - Elab.07 Elenco prezzi e analisi nuovi prezzi;
    - Elab.08 Computo metrico estimativo;
    - Elab.09 Quadro economico e stima sommaria sicurezza;
    - Elab.10 Piano economico e finanziario;
    - Elab.11 Prime indicazioni sicurezza;
    - Elab.12 Capitolato Speciale;
    - Elab.13 Schema di contratto;
    - Elab.14 Relazione paesaggistica.

 

3) Protocollo di legalità (circa 2.689 KB).

 

 

Quesiti:

Quesito 1 - Domande e Risposte:

D.1:) "ln riferimento a quanto in oggetto e più specificatamente ai requisiti economici finanziari richiesti al punto 4.5) c. dove si richiede un fatturato complessivo nel settore oggetto della gara negli ultimi tre esercizi non inferiore ad € 1.620.000.00 ovviamente ricadono in tale settore tutti gli interventi realizzati sugli impianti di pubblica illuminazione riguardanti la riqualificazione e/o efficientamento energetico degli stessi, vero?"

D.2:) "ln riferimento alla richiesta di titolarità di contratti per la riqualificazione e gestione di reti di illuminazione pubblica per un numero complessivo di punti luce pari a L.900 ovviamente il requisito può essere dimostrato anche attraverso la titolarità di uno o più contratti di gestione del servizio di impianti di pubblica illuminazione in essere per il numero minimo complessivo di punti luce richiesto (1.900) ove al proprio interno sia prevista la riqualificazione energetica anche di una parte delle lampade costituenti l'intero impianto di illuminazione pubblica, vero?"

D.3:) "ln caso di RTl, così come indicato all'ultimo capoverso dell'art. 4.5 del disciplinare, la capogruppo deve possedere almeno il 40% dei richiamati requisiti 4.5) a; 4.5) b; 4.5) c, mentre i requisiti di cui al punto 4.6) 1; 4.6) 2; 4.6) 3, possono essere posseduti cumulativamente dal raggruppamento in misura maggioritaria anche da parte della mandante (ad esempio possesso di due dei tre requisiti) e/o anche dalla sola mandante, vero?"

 

Quesito 2 - Domande e Risposte:

D.1:) "Secondo quanto stabilito dall'art 95 c. 4 del dpr 554/1999 (ancora in essere con il codice dei contratti) è possibile la partecipazione in ATI associando una o più imprese come cooptate? ln quanto in relazione all'applicabilità in via analogica dell'istituto della cooptazione agli appalti di servizi (come nel caso specifico) secondo la direttiva 2007/18 nel caso di raggruppamenti di operatori economici non può ad essi essere imposta una determinata veste giuridica, pertanto il Consiglio di Stato con sentenza 2010/06 ha affermato la possibilità per l'impresa concorrente di ricorrere alla cooptazione, che sebbene prevista per i soli lavori, è espressione di un principio di derivazione comunitaria, applicabile a tutti i lavori pubblici e pertanto trattandosi di un diritto d'impresa non necessiterebbe dell'espressa previsione nel bando di tale facoltà."

D.2:) "Eventualmente nel caso di ATI con imprese cooptate le polizze vanno intestate e firmate anche dalle aziende cooptate?"

D.3:) "Eventualmente nel caso di imprese cooptate quali e in che misura devono essere posseduti i requisiti richiesti dal disciplinare lett. F (compresa certificazione d¡ qualità)?"

D.4:) "Trattandosi di appalto misto in quanto si prevede oltre alla manutenzione degli impianti di pubblica illuminazione, anche dí lavori volti all'adeguamento e riqualificazíone degli stessi, è ammesso il subappalto per la parte inerenti le lavorazioni?"

D.5:) "ll progetto che l'impresa concorrente andrà a proporre in sede di gara andrà firmato da progettista abilitato e con quali altri requisiti?"

 

Quesito 3 - Domande e Risposte:

D.1:) "La scrivente impresa, essendo di nuova costituzione ed avendo in corso la procedura per la qualificazione SOA, intende produrre un'offerta per la suddetta gara avvalendosi dei requisiti di capacità economica/finanziaria e tecnica di altro soggetto. Premesso che non è ammesso I'avvalimento della sola qualificazione ISO disgiunta dall'avvalimento della SOA. Analizzando il bando, al paragrafo che tratta la possibilità dell'avvalimento è previsto espressamente che per la richiesta relativa all'attestazione della certificazione SOA ci si possa avvalere naturalmente dei requisiti e dell'attestazione di altro soggetto si legge che I'impresa deve produrre oltre all'attestazione SOA del soggetto ausiliario anche la propria. Si richiede che venga chiarito che la propria attestazione è da allegare sono nell'eventualità che I'impresa ne sia in possesso (in quanto nel bando è indicato che tale inosservanza è causa di esclusione)"

D.2:) "In riferimento ai requisiti necessari per la progettazione, indispensabili in virtù della redazione del progetto definitivo questi devono riferirsi all'ultimo triennio o all'ultimo quinquennio per un ammontare pari ad euro 1.332.230,54 (lavori + oneri come da quadro economico) nella categoria di pertinenza (ex D.M 143/2013) 1A.04?"

D.3:) "Nel caso in cui la società abbia invece la SOA non solo per la costruzione in OG10, ma anche per la progettazione il requisito di cui sopra viene soddisfatto con la qualificazione di progettazione e costruzione fino alla lll/BlS?"

 

Quesito 4 - Domande e Risposte:

D.1:) "ln merito ai Ns quesiti posti in data 14/06/2017 e quindi alle Vs risposte pubblicate il 19/06/2017, in particolar modo al quesito n.3, si fa riferimento ai requisiti tecnico-professionali necessari in fase di progettazione.
È Ns intenzione chiedere di specificare in maniera dettagliata quali siano tali requisiti, elencandoli punto per punto. Si chiede inoltre se, considerata la natura e I'ammontare dell'appalto, sono necessari anche requisiti di tipo economico (realizzazione di un progetto di analogo importo) sempre riguardanti la progettazione definitiva."

 

 

 

Ultimo aggiornamento (Mercoledì 21 Giugno 2017 16:02)

I piu' letti

Elezioni On Line

Referendum 4 Dicembre:

Portale Elezioni On Line

Censimento Oncologico
E' attivo il portale:
 
 
per la compilazione della scheda anonima personale.
Parco dell'Olivo Venafro

parco ulivi

207x70xBannerP20AncixExpo jpg pagespeed ic FoC92o1Nu

Contatore di visite
Oggi8
Questa settimana282
Questo mese2618
Tutti244426